Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Comune di

Lastra a Signa

 
Piazza Garibaldi
/ Schede / In Evidenza / Ufficio Stampa / San Giovanni di Dio, il pronto soccorso diventa più grande e sarà anche pediatrico

San Giovanni di Dio, il pronto soccorso diventa più grande e sarà anche pediatrico

28/02/2017


<div style="text-align: justify;">Ieri il sindaco di Lastra a Signa Angela Bagni, insieme all&rsquo;assessore regionale Stefania Saccardi, alla consigliera regionale Monia Monni, ai sindaci Sandro Fallani e Alberto Cristianini e all&rsquo;assessore Sara Funaro, ha preso parte alla presentazione dell&rsquo;ampliamento del Pronto Soccorso dell&rsquo;ospedale San Giovanni di Dio (Torregalli). La struttura passerà da 800mq a 3000mq, comprendendo anche una sezione pediatrica pensata per i più piccoli.<br />L&rsquo;intervento è pensato per venire incontro alle esigenze dei cittadini e si pone all&rsquo;interno di un progetto più ampio di riqualificazione dell&rsquo;ospedale.<br /><br /><br /><br /><br /><span style="font-style: italic;">Di seguito il comunicato a cura dell&rsquo;ufficio stampa dell&rsquo;azienda Usl Toscana Centro</span><br /><br /></div>
<div style="text-align: justify;">Diventa ancora più strategico l&rsquo;ospedale San Giovanni di Dio con l&rsquo;apertura di un centro unico e di riferimento per tutta l&rsquo;area fiorentina per la cura del piede diabetico e la prossima realizzazione di una nuova struttura di medicina d&rsquo;urgenza e di un pronto soccorso pediatrico. I due progetti sono stati illustrati lunedì 27 febbraio 2017 dall&rsquo;assessora regionale al Diritto alla salute Stefania Saccardi, dai direttori generale e sanitario dell&rsquo;Azienda USL Toscana centro oltre ai direttori dei dipartimenti delle specialistiche mediche e chirurgiche e di emergenza e urgenza, dei direttori delle unità operative e del personale della struttura sanitaria ospedaliera, alla presenza del Sindaco di Scandicci Sandro Fallani e di altri rappresentanti dei Comuni dell&rsquo;area fiorentina.<br /><br />Il centro per la cura del piede diabetico è stato istituito nel Padiglione Vespucci dell&rsquo;ospedale: sono stati riuniti diversi ambulatori specialistici in un&rsquo;unica struttura ad alta complessità assistenziale che segue il paziente nel suo percorso di cura, terapeutico e diagnostico, completamente organizzato, con collegamenti a livello territoriale (medici di famiglia e centri aziendali di primo livello) e con i reparti ospedalieri quando è necessario il ricovero.<br /><br />Il centro, è stato realizzato con l&rsquo;obiettivo prioritario di offrire agli ammalati una struttura che sia in grado di ridurre ulteriormente il numero delle invalidità permanenti, e quindi delle amputazioni agli arti inferiori, una delle più temibili complicanze della malattia diabetica, attraverso una organizzazione multidisciplinare e multiprofessionale; ora un team integrato, tra strutture e professionisti, gestirà unitariamente questa grave patologia. L&rsquo;altro vantaggio è quello relativo alla collocazione. Prima i pazienti dovevano recarsi in più presidi: la migrazione dei malati da un centro all&rsquo;altro era continua, con i relativi disagi e difficoltà anche per gli operatori nella presa in carico e nella garanzia della continuità del percorso assistenziale.<br /><br />L&rsquo;équipe medica e infermieristica. Alla cura del piede diabetico concorrono più specialisti in una équipe integrata tra medici (infettivologi, ortopedici, podologi, ecc&hellip;) e infermieri specializzati.<br /><br />In particolare la presenza all&rsquo;interno del San Giovanni di Dio delle unità operative di diabetologia e chirurgia vascolare dirette rispettivamente dai dottori Cristiana Baggiore e Stefano Michelagnoli, assicurano al paziente la gestione più appropriata della patologia, sia dal punto di vista medico che chirurgico. L&rsquo;équipe medica è affiancata da un&rsquo;équipe infermieristica, (anche questa già presente al San Giovanni di Dio), e diretta dalla dottoressa Francesca Falciani, che ha sviluppato competenze molto avanzate: le lesioni cutanee e le ulcere sono trattate con i più moderni mezzi integrati.<br /><br />L&rsquo;organizzazione. Il nuovo Centro è articolato in una serie di ambulatori specialistici ora riuniti e logisticamente vicini: a loro volta hanno a disposizione un Day Service dedicato per le infusioni dei farmaci o per le terapie più complesse. L&rsquo;accesso al Centro può avvenire anche attraverso il sistema del fast track: la modalità di prenotazione diretta attraverso un call center dedicato messo a disposizione sia dei medici di famiglia che dei centri di primo livello dell&rsquo;Azienda Sanitaria (Santa Maria Annunziata, Borgo San Lorenzo, Empoli e Prato). E&rsquo; stato attivato anche un numero di cellulare riservato con un diabetologo reperibile 7 giorni su 7 per dodici ore al giorno. Il ricovero dei pazienti è in particolare assicurato dalla medicina interna del SGD diretta dal dottor Alberto Fortini.<br /><br />Il Centro è coordinato dal dottor Roberto Anichini, responsabile della Diabetologia di Pistoia, ed esperto a livello nazionale, che già coordina un centro simile all&rsquo;ospedale San Jacopo di Pistoia.<br /><br />&ldquo;Si è venuta così a creare una vera rete di terzo livello che interessa tutta la nostra Azienda USL Toscana centro. Con questa nuova organizzazione contiamo di ridurre significativamente le amputazioni nel nostro territorio, che sono già oggi fra le più basse d&rsquo;Italia, inoltre &ndash;ha tenuto ad evidenziare il dottor Giancarlo Landini, direttore del dipartimento specialistiche mediche- questo è un altro servizio di eccellenza per i nostri cittadini, nato dalla sinergia e dalla integrazione delle competenze ed esperienze dei nostri professionisti: tutto questo è stato reso possibile solo nella grande dimensione della nuova Azienda Sanitaria&rdquo;. <br /><br />Dati. Nella Azienda USL Toscana centro ci sono 90.000 pazienti diabetici (circa il 6% della popolazione assistita pari a 1.500.000 di abitanti) di questi il 3% presentano la patologia legata al piede diabetico e di questi annualmente circa il 3%&deg; subisce l&rsquo;amputazione. Nel 2015 in Toscana sono stati amputati 2,5 pazienti ogni mille abitanti, ed è uno dei tassi più bassi d&rsquo;Italia; nell&rsquo;Azienda USL Toscana Centro il dato è ancora migliore e si attesta intorno all&rsquo;1,75 pazienti, ogni mille abitanti, che subiscono questa grave menomazione.<br /><br />Il nuovo pronto soccorso come sarà. Nel corso della conferenza stampa è&rsquo; stato illustrato anche il progetto della nuova struttura Medicina d&rsquo;Urgenza che si svilupperà su oltre 3.000 metri quadrati, dimensionata per un numero di oltre 45.000 accessi all&rsquo;anno: oltre al pronto soccorso avrà un reparto di medicina di urgenza e una sezione pediatrica di ulteriori 1200 metri quadrati. Il costo complessivo è 11.930.000,00 euro, somma prevista dal piano investimenti dell&rsquo;Azienda per il triennio 2016-2018. In base al cronoprogramma (approvazione progetto fattibilità, affidamento lavori, esecuzione e collaudi) sarà pronta nel 2020.<br /><br />Per il pronto soccorso dell&rsquo;Ospedale di Torregalli è stata adottata una nuova soluzione progettuale che, rispetto a quella precedente di adeguamento e ampliamento, è concepita funzionalmente secondo i più moderni criteri organizzativi. In pratica verrà realizzata una nuova struttura che sorgerà sul retro dell&rsquo;ospedale e correttamente dimensionata rispetto alle esigenze del presidio. Sarà collocata in una zona facilmente accessibile, e con viabilità diretta; inoltre con il nuovo progetto non saranno sottratti spazi dedicati all&rsquo;attività ambulatoriale tutt&rsquo;ora posta al piano terreno dell&rsquo;ospedale e in futuro potranno essere aumentati.&nbsp; <br /><br />Un ulteriore vantaggio è rappresentato dalla possibilità che questo intervento possa essere il primo tassello della realizzazione del Nuovo Ospedale: proprio su questa linea è stato concepito il layout della struttura con la possibilità di introdurre ulteriori miglioramenti progettuali.<br /><br />Come sarà. Saranno 3.000 i metri quadri a disposizione per il pronto soccorso generalista articolato in ben otto aree.<br /><br />L&rsquo;area accesso è costituita dalla camera calda, una zona accoglienza&mdash;attesa familiari, una stanza per il colloquio con i familiari ed una zona dedicata al ristoro. Da qui si accede all&rsquo;area valutazione con due sale dedicate al triage e un ambulatorio infermieristico per il trattamento dei codici bianchi e azzurri.Il cuore del pronto soccorso sarà altamente tecnologico con un&rsquo;area per l&rsquo;emergenza che avrà due postazioni per i codici rossi ed una infermieristica, collegate direttamente all&rsquo;area diagnostica con sala Tc, due sale per la radiologia tradizionale e una ecografica.<br /><br />L&rsquo;area visita, osservazione ed assistenza oltre ad essere suddivisa per priorità clinica, avrà un locale per l&rsquo;isolamento, un&rsquo;altra sala rossa, cinque ambulatori e una sala gessi&nbsp; per le visite.All&rsquo;interno del pronto soccorso saranno anche realizzati sedici posti letto: cinque ad alta intensità di cura e undici di osservazione breve intensiva con postazioni infermieristiche dedicate.<br /><br />Anche un reparto di pediatria. Nei complessivi 1.200 metri quadrati previsti l&rsquo;organizzazione degli spazi e delle funzioni è la stessa del pronto soccorso generalista (accoglienza, accesso valutazione, ecc&hellip;), ma qui tutto è a &ldquo;misura di bambino&rdquo;. Per esempio l&rsquo;area dedicata all&rsquo;attesa avrà anche uno spazio per l&rsquo;allattamento, le sale visita accoglieranno contemporaneamente tre piccoli pazienti, in modo da ridurre le attese e i quattro posti letto di osservazione breve potranno ricoverare i bambini insieme alle loro mamme.<br /><br />Il reparto di pediatra avrà anche cinque camere doppie di degenza per un totale di dieci posti letto ed una camera per l&rsquo;isolamento.<br />Tutto il pronto soccorso sarà collegato con il piano terreno dell&rsquo;ospedale ed in relazione diretta con il blocco operatorio e le terapie intensive.Il pronto soccorso è diretto dal dottor Gianfranco Giannasi, l&rsquo;équipe è composta da 20 medici, 54 infermieri e 34 operatori socio sanitari. (D.P.)</div>

Data di pubblicazione: 28/02/2017 - Ultimo aggiornamento: 14/04/2017

Piazza del Comune 17 - 50055 Lastra a Signa - FI - Numero Verde 800 882299 - Fax 055 8722946

Codice Fiscale - Partita IVA 01158570489 - Posta Elettronica Certificata: comune.lastra-a-signa@pec.it