Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Comune di

Lastra a Signa

 
Villa Bellosguardo
/ Sezioni sinistra / Servizi / Edilizia e urbanistica / Garante della informazione e della partecipazione

Garante della informazione e della partecipazione

Il Garante della Informazione e della Partecipazione, come esplicitato negli articoli 37 e 38 della Legge Regionale Toscana 12 novembre 2014, n. 65, ha il compito di assicurare la conoscenza effettiva e tempestiva delle scelte e dei supporti conoscitivi relativi alle fasi procedurali di formazione degli strumenti della pianificazione territoriale e urbanistica.
A tale fine promuove le forme di partecipazione più idonee alla specifica tipologia di atto, in modo da informare nel modo più completo i cittadini, singoli o associati, e tutti gli interessati a quel preciso atto di governo del territorio.
Ne consegue che le iniziative da adottare non sono standardizzate ma dipendono dalla tipologia dell’atto specifico da formare.

Il garante segue fin dall’inizio l’atto in formazione e redige un rapporto sull’attività svolta. In questo documento indica le iniziative poste in essere ed evidenzia se le attività relative all’informazione e alla partecipazione della cittadinanza e delle popolazioni interessate siano state sufficienti ed idonee a garantire la conoscenza dell’atto.
Inoltre valuta se il percorso abbia dato risultati significativi ai fini della formazione dell’atto.


Il Garante dell’Informazione e della Partecipazione del Comune di Lastra a Signa è stato istituito con Deliberazione G.C. n. 107 del 05/10/2016 ed è stato nominato Luciano Bimbi.

Pertanto chiunque voglia avere informazioni o voglia presentare contributi partecipativi sugli atti in formazione può scrive a :

Luciano Bimbi
Piazza del Comune, 17
50055 - Lastra a Signa (FI)

COMUNICATO DEL 20/04/2018

Il Garante rende noto che nel periodo di deposito del Nuovo Piano strutturale (dal 17/01/2018 al 25/03/2018) sono pervenute 9 osservazioni, di cui 5 tramite pec e 4 consegnate a mano; mentre fuori dai termini stabiliti per legge è pervenuta 1 osservazione tramite pec, per la quale pur non ricorrendone l’obbligo sarà formulata specifica controdeduzione.

Delle 10 osservazioni pervenute una riguarda il procedimento di  Valutazione Ambientale Strategica (VAS) ai sensi della legge regionale n.10/2010 e pertanto sarà valutata dall’autorità competente (Città Metropolitana di Firenze) e acquisita nel suo “parere motivato”.

Tutte le osservazioni, tra cui quella della Regione Toscana presentata in forma di contributo in ragione del principio di collaborazione tra pubbliche amministrazioni, sono attualmente in fase di valutazione e controdeduzione da parte dell’amministrazione.

COMUNICATO DEL 15/01/2018

Il Garante rende noto che nella seduta del Consiglio Comunale del 21/12/2017 con deliberazione n. 80, immediatamente eseguibile, è stata adottata la “Variante generale al Piano strutturale ai sensi e per gli effetti delle leggi regionali 65/2014 e 10/2010 e dell'articolo 21 della Disciplina del Piano di Indirizzo Territoriale con valenza di Piano Paesaggistico Regionale (PIT-PPR)”.

In data 02/01/2018 gli elaborati della variante sono stati resi consultabili alla Regione Toscana, alla Città Metropolitana di Firenze e alla competente Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio, come da disposizioni normative

In data 11/01/2018 gli stessi elaborati sono stati resi consultabili a chiunque sia interessato sul sito del Comune al seguente indirizzo:

http://sit.comune.lastra-a-signa.fi.it/PS17/

raggiungibile anche tramite il pulsante PIANO STRUTTURALE VARIANTE 2017 presente sulla home del sito del comune: http://www.comune.lastra-a-signa.fi.it/

In data 17/01/2018 sarà pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Toscana (BURT) l'avviso di adozione e deposito della Variante e dal 17/01/2018 alle ore 13,00 del 25/03/2018 chiunque potrà presentare osservazioni al Comune di Lastra a Signa tramite:

  • consegna a mano o servizio postale a mezzo di raccomandata con avviso di ricevimento all’indirizzo: Piazza del Comune, 17 – CAP 50055 Lastra a Signa (FI)

  • posta elettronica certificata – PEC all’indirizzo: comune.lastra-a-signa@pec.it

Nel medesimo periodo sarà possibile ottenere chiarimenti negli orari di ricevimento (martedì e giovedì dalle 8,30 alle 13,30 e dalle 15,15 alle 17,45) presso il mio Ufficio nel Palazzo Comunale (p.za del Comune 17) e all'Ufficio Urbanistica nel Palazzo Pretorio (via dell’Arione 11).

COMUNICATO DEL 04/12/2017

Il Garante rende noto che nella seduta del Consiglio Comunale del 21/12/2017 sarà votata l’adozione della “Variante Generale al Piano Strutturale ai sensi e per gli effetti delle leggi regionali 65/2014 e 10/2010 e dell’art. 21 della Disciplina del Piano di Indirizzo Territoriale con valenza di Piano Paesaggistico Regionale (PIT-PPR)”.

COMUNICATO DEL 03/11/2017

Il Garante rende noto che in data 08/11/2017 alle ore 18.00 presso la Sala consiliare dl Comune sarà tenuta un’assemblea pubblica finalizzata a condividere contenuti e criteri di redazione della variante generale al Piano strutturale.

Di seguito il relativo avviso:

L'amministrazione comunale in vista dell'aggiornamento del Piano strutturale (strumento di pianificazione territoriale del Comune che stabilisce le scelte strategiche relative all’assetto del territorio) organizza un incontro pubblico per illustrare il metodo, le scelte e le relative motivazioni utilizzati nella nuova variante. L'incontro si terrà mercoledì 8 novembre alle ore 18 presso la sala consiliare del Comune.

Il Piano strutturale vigente del 2014 necessita di essere aggiornato in adeguamento ai contenuti della nuova legge regionale in materia di governo del territorio e dei suoi regolamenti di attuazione, in conformazione al Piano di Indirizzo Territoriale con valenza di Piano Paesaggistico Regionale (PIT-PPR) approvato con Delibera C.R. n. 37 del 27.03.2015 e in allineamento con il Piano di Gestione del Rischio Alluvioni (PGRA) dell’Autorità di Bacino del Distretto Appennino Settentrionale approvato con D.P.C.M. 27 ottobre 2016.

Questa variante, essendo uno strumento di conformazione ed adeguamento alla strumentazione di livello superiore, non incide sui principi strategici e programmatici su cui è stato fondato il Piano strutturale del 2014.

COMUNICATO DEL 26/07/2017

Il Garante rende noto che con deliberazione di Giunta comunale n. 50 del 24/07/2017 è stato dato Avvio al procedimento di formazione della Variante Generale al Piano Strutturale ai sensi e per gli effetti delle Leggi Regionali 65/2014 e 10/2010.

La variante ha come obiettivi la conformazione al Piano di Indirizzo Territoriale con valenza di Piano Paesaggistico Regionale (PIT- PPR) ai sensi dell’art. 21 della Disciplina dello stesso piano regionale, l’adeguamento alla nuova legge regionale di governo del territorio n. 65/2014 e l’allineamento con il Piano di Gestione del Rischio Alluvioni (PGRA) dell’Autorità di Bacino.

Tutti gli atti di avvio sono consultabili all'indirizzo:

http://www.comune.lastra-a-signa.fi.it/sezioni-sinistra/Guida-ai-servizi/u-r-p-1/variante-al-piano-strutturale-di-conformita-al-pit-ppr

All’interno dell’Atto di avvio del procedimento è presente una sezione che contiene il Programma delle attività di informazione e partecipazione che di seguito si riporta integralmente:

L’attuale variante al Ps si pone in continuità con quella generale del 2014 e sviluppa quanto già condiviso con la cittadinanza nel relativo processo partecipativo effettuato.
La prima fase del processo, denominata “Il monitoraggio del Piano: ha verificato ed approfondito gli obiettivi del Piano strutturale e del sistema delle conoscenze” e si è svolta tra il settembre 2011 e il marzo 2012, è stata articolata in tre fasi:

  • pubblicizzazione attraverso brochures, manifesti, formazione di un sito dedicato, individuazione di stakeholders
  • analisi ed elaborazione dei materiali da discutere attraverso l’interpretazione di una precedente esperienza (Questionario “Lastra a Signa, la città che vorrei” del 2011, elaborato dalla società Freni su incarico dell’Amministrazione), interviste a testimoni privilegiati e la redazione di una “Guida alla revisione del Piano”
  • discussione pubblica e condivisione attraverso l’attivazione di laboratori e assemblee pubbliche. 

In data 15/12/2011 è stata indetta un’assemblea pubblica di presentazione del processo e dei risultati del questionario della società Freni. Per la realizzazione dei laboratori il territorio comunale è stato articolato in tre ambiti territoriali:

  • la città e il fiume Arno
  • le frazioni e i borghi del territorio collinare
  • Ginestra e la valle fluviale dell’Arno.

Sono stati organizzati due cicli di laboratorio per ogni ambito: il primo per rilevare la percezione degli abitanti rispetto agli obiettivi di Piano e il secondo per presentare il monitoraggio del Piano rispetto alle proposte emerse. I primi incontri sono stati tenuti in data 30/01/2012 (Lastra), 07/02/2012 (Malmantile) e 08/02/2012 (Ginestra) e i secondi in data 20, 22 e 23 febbraio 2012.
Una giornata di discussione plenaria è stata attivata il 31/03/2012 per condividere i risultati, che sono stati trasfusi in un rapporto finale utilizzato per la redazione del documento di avvio del procedimento. A conclusione di questa fase è stato possibile constatare che la stessa è andata oltre le finalità previste, anticipando alcuni temi che riguardavano la parte statutaria e strategica, così come le interviste a testimoni privilegiati, raccolte in una matrice di sintesi.

Nella seconda fase del processo partecipativo, denominata “Elaborazione dello statuto e visione strategica dei luoghi” (ottobre-dicembre 2012), l’individuazione di massima dei valori del territorio e di alcune azioni ritenute necessarie per il raggiungimento degli obiettivi del Ps, derivate dalla prima fase, è stata raccolta e sintetizzata dai conduttori in quattro temi strategici :

  • la città di città, di paesi, di villaggi urbani
  • il sistema delle percorrenze: la rete della mobilità dolce
  • i parchi fluviali dell’Arno e del Pesa
  • lo sviluppo di nuove economie agro-terziarie. 

L’impianto del processo ha riproposto quello seguito nella prima fase: un’assemblea pubblica di apertura (16/10/2012), due cicli di laboratorio per ogni ambito (22/10/2012 e 12/11/2012 per Lastra, 29/10/2012 e 19/11/2012 per Malmantile, 5 e 28 novembre per Ginestra) e un’assemblea pubblica di chiusura (03/12/2012).

La discussione della prima seduta del laboratorio ha avuto inizio dagli obiettivi individuati nella prima fase appositamente articolati nei quattro temi strategici e dalla rilettura delle aree critiche al fine di individuare un complesso di regole statutarie, norme e progetti. Le indicazioni statutarie riguardanti l’intero territorio comunale e i progetti/azioni diversificati per ambito derivati dai laboratori sono stati composti in una visione sintetica ma approfondita per contenuti e scala. Tali risultati sono stati presentati al secondo laboratorio al fine di approfondire i progetti locali attraverso l’individuazione di criticità e potenzialità. Questo processo ha prodotto i progetti degli spazi pubblici di Lastra, Quattro Strade e Ginestra, del sistema delle percorrenze e dei parchi fluviali, con un approfondimento sul parco agricolo e sulla metodologia di individuazione del confine tra area urbana e area rurale. Tutto ciò è stato fatto proprio dall’Amministrazione e recepito nella variante generale al Ps.
Da quanto detto risulta è chiaro che, sebbene il processo partecipativo sia stato effettuato precedentemente alla legge regionale 65/2014 e finalizzato alla formazione della precedente variante al Ps, il processo partecipativo “Percorso comune” mantiene a tutt’oggi la sua validità. Anche perché l’attuale variante consiste unicamente nella conformazione e adeguamento a pianificazione e normativa sovraordinate (oltretutto già sostanzialmente conosciute e trasferite nella variante generale, come già accennato) e non affronta problematiche di governo del territorio, già ampiamente condivise con la cittadinanza.

Pertanto, in accordo con il Garante, è stato deciso di intraprendere un programma che riproponga l’impostazione già utilizzata (anche in funzione dei buoni risultati ottenuti), proporzionandolo alla natura della variante e aggiornandolo a quanto di nuovo previsto in materia di informazione e partecipazione alla formazione degli atti di governo del territorio. Naturalmente questo programma sarà di volta in volta testato e adattato durante lo svolgimento del procedimento, coordinandolo in ogni fase con l’attività di partecipazione della Valutazione Ambientale Strategica (VAS) di cui alla legge regionale 10/2010.
A tale fine sarà predisposta una pagina web dedicata nel sito del Comune, che permetta a chiunque sia interessato di comunicare e di acquisire informazioni e documentazione.
In prima istanza sono riconosciuti due momenti che richiedono sicuramente l’attivazione della discussione e del confronto con tutti gli interessati, da conseguire per mezzo di un’assemblea pubblica e della predisposizione sulla pagina web dedicata della possibilità di partecipare telematicamente.

1° - Non appena tracciato il processo di conformazione e adeguamento - argomento della variante - saranno condivisi con gli interessati sia i contenuti della pianificazione e della normativa sovraordinate che i criteri seguiti per rendere il Ps in linea con gli stessi. A riguardo saranno utilizzati tutti gli strumenti più consoni a rendere comprensibili il metodo seguito, le scelte operate e le relative motivazioni.
2° - Prima della presentazione in Consiglio della proposta di controdeduzioni alle osservazioni presentate durante la fase del deposito della variante sarà data informazione sugli argomenti delle osservazioni e sui criteri seguiti nella predisposizione delle relative determinazioni e gli interessati potranno esprimersi a riguardo.
Comunque, oltre a questi due momenti già segnalati, saranno messe in atto ulteriori forme di partecipazione attiva rivolte a tutti i cittadini liberi o associati, a ogni altra forma di aggregazione o a gruppi portatori di interessi specifici in qualunque momento del procedimento se ne riscontri l’opportunità, ad esempio nel caso in cui durante la conformazione al PIT sia riscontrata la necessità di confrontarsi nella formulazione di proposte di contenuto.

La pubblicità prevista dalla normativa sarà implementata da apposite note informative sul sito web del Comune, sui canali sociali (whatsapp, ecc), sui pannelli informativi a messaggio variabile e nelle bacheche delle sedi comunali per ogni fase procedurale. La documentazione della variante nelle varie fasi del procedimento sarà messa a disposizione del pubblico sul sito web del Comune, presso lo Sportello unico al cittadino e presso l’Ufficio urbanistica, dove nelle ore di apertura al pubblico sarà possibile approfondire gli argomenti correlati, ottenere informazioni tecniche ed estrarre copia degli elaborati.

Data di pubblicazione: 20/12/2017 - Ultimo aggiornamento: 16/05/2018

Piazza del Comune 17 - 50055 Lastra a Signa - FI - Numero Verde 800 882299 - Fax 055 8722946

Codice Fiscale - Partita IVA 01158570489 - Posta Elettronica Certificata: comune.lastra-a-signa@pec.it