Cambio di abitazione all’interno dello stesso Comune

Per cambio di abitazione all’interno del Comune di Lastra a Signa si intende il trasferimento della dimora abituale dell’individuo ed eventualmente dell’intera famiglia da una Via ad un’altra, entrambi facenti parte del territorio del Comune di Lastra a Signa.

Requisiti del richiedente

  • Essere già residenti nel Comune di Lastra a Signa e cambiare la propria abitazione all’interno del comune

 

Come si richiede
Dal 27 aprile 2022 tutti i cittadini possono dichiarare online, sul sito dell’anagrafe nazionale, il cambio di residenza. Per accedere al servizio occorre autenticarsi con spid/cie/cns.
Guida al servizio

In alternativa la dichiarazione di residenza, redatta su apposito modello ministeriale (vedi allegato), può essere presentata con le seguenti modalità:

a) consegnata a mano direttamente allo Sportello Unico al Cittadino;
b)  inviata tramite lettera raccomandata a/r/posto ordinaria indirizzata a: Ufficio Anagrafe del Comune di Lastra a Signa, Piazza del Comune 17 – 50055, Lastra a Signa (FI);
c) trasmessa per via telematica, inviando una mail all’indirizzo anagrafe@comune.lastra-a-signa.fi.it oppure alla casella di posta elettronica certificata (PEC) comune.lastra-a-signa@pec.it
La trasmissione della domanda per via telematica è consentita ad una delle seguenti condizioni:
– che la dichiarazione sia sottoscritta con firma digitale;
– che l’autore sia identificato dal sistema informatico dal sistema informatico con l’uso della carta d’identità elettronica, della carta nazionale dei servizi o comunque con strumenti che consentano l’individuazione del soggetto che effettua la dichiarazione;
– che la dichiarazione sia trasmessa attraverso la casella di posta elettronica certificata del dichiarante;
– che la copia della dichiarazione recante la firma autografa e la copia del documento d’identità del dichiarante siano acquisite e trasmesse tramite posta elettronica semplice;

Nota bene: L’ufficiale d’anagrafe non potrà accettare domande in carta libera in un formato diverso dal modello ministeriale o non compilate in tutte le parti obbligatorie.

Documenti da allegare

  • copia dei documenti di identità delle persone che trasferiscono la residenza insieme al richiedente che, se maggiorenni, devono anche sottoscrivere il modello di residenza ;
  • Nel caso in cui non si sia in possesso di un formale contratto che giustifichi l’occupazione dell’immobile (es. compravendita, locazione ecc…) è necessario che il proprietario dell’immobile o chi ne ha la disponibilità compili e trasmetta il Modello per dichiarazione proprietario immobile per residenza (pdf) con allegato copia del documento di identità dello stesso/a ;
  • Se all’indirizzo presso cui si effettua il trasferimento di residenza è già residente altra persona, la stessa deve presentare il “
  • Nel caso di trasferimento di residenza di un minore senza il contestuale trasferimento di entrambi i genitori, è necessario che il genitore che non si trasferisce compili e trasmetta il il Modello per conoscenza al trasferimento del minore da parte dell’altro genitore che non si trasferisce (pdf) con allegato copia del suo documento di identità;
  • Nel caso di trasferimento della residenza in un alloggio di edilizia residenziale pubblica (ERP) è necessario allegare copia del contratto di locazione o del verbale di consegna dell’immobile, sottoscritti dall’Ente Gestore;
  • È possibile incaricare della presentazione della dichiarazione di residenza uno solo dei familiari maggiorenni oppure una terza persona maggiorenne non compresa nella pratica, compilando (a cura di ciascun componente interessato al trasferimento di residenza) il modello “Mandato di rappresentanza”: Modello per mandato di rappresentanza alla presentazione di dichiarazioni anagrafiche (pdf)

 

Guida alla compilazione del modulo del cambio di abitazione

Attenzione:  La mancata indicazione dei dati di provenienza, l’assenza di dati anagrafici obbligatori contrassegnati con un asterisco, la mancata indicazione/dimostrazione del titolo di occupazione dell’alloggio, la mancanza delle firme dei componenti maggiorenni rendono la pratica irricevibile.

Per agevolare il cittadino nella compilazione del modulo del cambio di abitazione è stato predisposto un fac simile che si consiglia di consultare: Fac simile compilazione modulo cambio di abitazione (pdf)

1) Luogo di provenienza (pag. 1, riquadro in alto)
– barrare la casella “Dichiarazione di cambiamento di abitazione nell’ambito dello stesso Comune”

2) Dati anagrafici (pagg. 1-2-3)
– inserire tutti i dati richiesti, in particolare i dati contrassegnati con un asterisco (obbligatori)

Ogni persona che sposta la residenza deve compilare in modo completo tutto ciò che è richiesto nel riquadro sotto riportato (nelle pagine successive si compilerà il riquadro 2 se c’è una seconda persona che sposta la residenza, il riquadro 3 se c’è una terza persona e così via…).
Se si spostano più persone la persona che è inserita al riquadro numero 1 del modulo verrà inserita quale “intestatario scheda” della famiglia anagrafica che si formerà in anagrafe.
Nel caso di famiglia con più di 4 persone utilizzare anche il modello: Dichiarazione di residenza – foglio aggiuntivo per famiglie con più di 4 persone – modello editabile

3) Dati relativi al nuovo indirizzo di residenza (riquadro basso pag. 1)
– inserire il nuovo indirizzo di residenza, comprensivo dell’esponente (c.d. lettera), dell’interno e del piano dell’abitazione

4) Dati relativi alla presenza di altre persone già residenti nell’abitazione (riquadro in basso pag. 3)
Nell’abitazione in cui state andando ad abitare, vive già qualche altra persona?
– Se la risposta è NO, non compilare il riquadro e passare alla compilazione della pagina successiva;
– Se la risposta è SI, dovrete compilare il riquadro con i dati richiesti relativi alla persona che già risiede in quella abitazione. Barrare anche la casella in cui si dichiara che sussistono vincoli tra le persone e scrivere di che tipo di vincolo si tratta. Esempio: torno a vivere con i miei genitori nel riquadro metto i dati di mio padre, barro la casella e scrivo sotto “FIGLIO”. Se non ci sono rapporti di parentela, scrivere “CONVIVENTE”.

5) Dati relativi al titolo di occupazione dell’immobile (pag. 4)
– indicare i dati catastali dell’abitazione (foglio, particella e subalterno) e il titolo per il quale si occupa l’abitazione:
a) se proprietario: indicare i dati catastali;
b) se intestatario di contratto di locazione o di comodato gratuito: indicare gli estremi di registrazione del contratto;
c) se intestatario di contratto di locazione relativo a immobile di Edilizia Residenziale Pubblica: allegare copia del contratto o del verbale di consegna dell’immobile;
d) se comodatari con contratto di comodato d’uso gratuito regolarmente registrato presso l’Agenzia delle Entrate: indicare gli estremi di registrazione;
e) se usufruttuario: indicare dati utili a consentire verifica da parte dell’Ufficio Anagrafe;
f) di occupare legittimamente l’abitazione in base al titolo di seguito descritto: Indicare dati utili a consentire verifica da parte dell’Ufficio Anagrafe (es. dichiarazione di conoscenza del proprietario)

6) Recapiti (pag. 5)
– indicare telefono o mail per consentire eventuali contatti/chiarimenti/informazioni da parte dell’ufficio in merito alla dichiarazione di residenza. Ai sensi della vigente normativa in materia è preferibile indicare l’indirizzo mail .

7) Firme (pag. 5)
– firma di tutti i componenti maggiorenni presenti nella dichiarazione di residenza

Note
La denuncia del cambio di residenza per coloro che entrano in una convivenza (collegio, convitto, caserma, casa di riposo, etc.), è di competenza del capo-convivenza su richiesta del diretto interessato.
Secondo il Regolamento Anagrafico, se le persone che risiedono in una stessa abitazione sono sposate oppure se sono legate da vincoli di parentela, non possono creare famiglie separate (cioè stati di famiglia distinti), ma è obbligatorio formare un’unica famiglia anagrafica.
Se non ci sono tali relazioni di parentela si formano famiglie anagrafiche (e stati di famiglia) separate.
Le persone legate da vincoli affettivi devono dichiare tali vincoli nel modello.
Con l’approvazione della L. 76/2016 (legge Cirinnà) due persone maggiorenni  legate stabilmente  da vincoli affettivi di coppia e di reciproca assistenza morale e materialepossono decidere di qualificare la loro relazione come convivenza di fatto per ottenere il prodursi degli effetti previsti dalla legge.

Iter procedimento

  • La registrazione della dichiarazione anagrafica, da parte dell’Ufficio Anagrafe, avviene nei due giorni lavorativi successivi alla ricezione della stessa.
  • Entro 45 giorni dall’avvio del procedimento, dopo l’accertamento dei requisiti e le verifiche dei Vigili, senza che l’Ufficio Anagrafe abbia provveduto ad inoltrare comunicazione di preavviso di rigetto la nuova residenza si considererà confermata.
  • L’esito di una verifica anagrafica con risultato negativo verrà comunicato agli interessati che, entro 10 giorni dalla ricezione della comunicazione, potranno presentare elementi utili al fine dello svolgimento di nuovi accertamenti (Art.10bis Legge n.241/1990).
  • Qualora la dichiarazione risulti non corrispondente alla situazione di fatto, l’Ufficio Anagrafe provvederà ad annullare la nuova posizione anagrafica ripristinando, con effetto retroattivo, quella precedente e provvederà a ripristinare la vecchia residenza.

Accertamenti anagrafici
L’ufficiale di anagrafe è obbligato (Art 4 Legge n.1228/1954 e art.19 d.P.R. n.223/1989) a verificare la sussistenza del requisito della dimora abituale di chi richiede l’iscrizione anagrafica (residenza), tramite accertamenti sul luogo dichiarato dai richiedenti.
Gli accertamenti sono svolti a mezzo degli appartenenti ai corpi di Polizia Locale o di altro personale comunale che sia stato formalmente autorizzato, e che deve poter verificare la sussistenza degli elementi soggettivi (volontà di stabilire la propria dimora abituale in un determinato luogo) e oggettivi (reale permanenza in quel luogo), costituita dal fatto che quel luogo sia il centro delle relazioni familiari e sociali della persona (Circolare Ministero Interni n.21/2001, parere Ministero Interni del 5/09/2006).
Gli accertamenti sono svolti entro 45 giorni dalla richiesta di iscrizione anagrafica o di cambio di residenza.
Al fine di facilitare tale attività da parte degli operatori della Polizia Locale, si chiede di compilare il modulo in allegato al fine di indicare i giorni di effettiva presenza dei richiedenti presso l’abitazione; tali indicazioni non sono comunque vincolanti per gli operatori della Polizia Locale, che potranno comunque valutare la sussistenza del requisito della dimora abituale anche in assenza degli interessati e tramite gli elementi prima descritti.

 

Aggiornamento dati patente e carta di circolazione, cambio medico di famiglia, tassa rifiuti
Il Decreto decreto-legge 16 luglio 2020, n. 76 ha introdotto un’importante modifica all’art. 94 del Codice della Strada: in caso di trasferimento di residenza dell’intestatario di un veicolo, infatti, non è più necessario applicare il tagliando di aggiornamento sulla carta di circolazione (oggi Documento Unico). Pertanto, la variazione di residenza viene ora registrata esclusivamente nell’Archivio Nazionale Veicoli (ANV), senza rilascio al cittadino di alcuna attestazione.

Si ricorda, inoltre, che per effetto delle modifiche introdotte all’art. 116, comma 13 del Codice della Strada, dal decreto legislativo n. 2 del 16 gennaio 2013 è stata eliminata  l’indicazione della residenza sulle nuove patenti. I titolari di patenti rilasciate prima dell’entrata in vigore della suddetta norma, in caso di variazioni di residenza o domicilio, non riceverenno più il tagliando adesivo per l’aggiornamento dell’indirizzo sulla patente.

Al momento del cambio di abitazione bisogna ricordarsi di comunicare  ai vari soggetti l’avvenuto trasferimento:

  • presentare la denuncia per la tassa sui rifiuti (TARI)
  • aggiornare i contratti delle utenze (acqua, luce e gas);

Conseguenza in caso di dichiarazioni false
E’ importante che la richiesta di iscrizione anagrafica venga presentata solo se il dichiarante ha la dimora abituale (cioè l’effettiva presenza) nell’abitazione dove intende trasferire la residenza.
In caso di dichiarazioni non corrispondenti al vero è prevista la decadenza dai benefici acquisiti per effetto della dichiarazione nonché sanzioni di tipo penale previste per le dichiarazione false. Le dichiarazioni false saranno anche segnalate alle autorità di pubblica sicurezza.
In caso di non rispondenza allo stato di fatto verrà effettuato il ripristino delle registrazioni anagrafiche antecedenti alla data della dichiarazione resa.

Allegati

    Info

    Ufficio Anagrafe
    Piazza del Comune n. 17, Lastra a Signa (FI)
    Numero verde: 800 882299
    E-mail:

    Orario di apertura:
    Lunedì: dalle 8:40 alle 13:40
    Martedì: dalle 8:40 alle 13:40 e dalle 15:00 alle 17:40
    Mercoledì: dalle 8:40 alle 13:40
    Giovedì: dalle 8:40 alle 13:40 e dalle 15:00 alle 17:40
    Venerdì: dalle 8:40 alle 13:40
    Sabato: dalle 8:40 alle 13:40